.
Annunci online

pierlucadifazio
Regret is usually a waste of time
14 aprile 2006
LA FOLLE FORZA DELLE TRADIZIONIbis

Come preannunciato ieri sono stato a Verbicaro, in compagnia dei valorosi soliti amici, in occasione del tradizionale "evento" dei BATTENTI, anche se fermamente credo che"evento" non sia il termine più adatto per definire questo "costume".
Ammetto di essere andato con intenzioni strettamente legate all'ambito ENOGASTRONOMICO, di essere particolarmente interessato a questi caratteristici “catuvi”, che altro non sono che delle piccole cantine: ero seriamente preso dalla curiosità di assaporare un buon vino "da vitigno basso".


..................................................
Ma il vedere 4 persone che si flagellavano con dei tappi di sughero con incastonati frammenti di vetro, mi ha fatto riflettere.
...................................................


Può trattarsi di solo esibizionismo?

Certo una massiccia presenza di persone "assetate di sangue" provenienti da chissà dove, una rilevanza mediatica attestata da cameraman Rai con annessa intervistatrice, lascerebbe pensare che trattasi di puro evento mediatico basato al 70 % su componenti esibizioniste e voglia di pubblicizzare l’esistenza nel 2006 di barbari individui con barbari costumi.
Le mie aspettative vedevano i cd "battenti" flagellarsi con una esasperatissima vena esibizionista per poi schizzare il sangue sulla folla, e gridare a squarciagola inni alla Madonna o roba simile.

E Invece No!!!

Il tutto si è svolto nel più assoluto silenzio, sia dei battenti che della folla. Silenzio a tratti inquietante; a tratti molto horror,mancava solo il tocco di classe di Dario Argento.



Devo riconoscere che la suggestiva atmosfera del borghetto del cosentino ha contribuito ad aumentare una sensazione di sublime...
atterrito, non capivo (non perchè avessi bevuto), non capivo e mi chiedevo cosa potesse spingere queste persone, questi ragazzi  a compiere un gesto simile.
Non li ritengo sicuramente eroi-questo mi preme puntualizzarlo- ma c'è qualcosa in loro che ammiro:non mi riferisco all'autolesionismo.. ma al forte “Senso di Appartenenza alla comunità” che pervade i loro animi..
Parlando con indigeni (che brutto termine) ho scoperto che essere battente è un "ONORE ONEROSO",
questi ragazzi scelgono di flagellarsi per chiedere "grazia", per grazia ricevuta o a volte solo perché sono "futtuti di capo"( indigeno dixit) o per semplice esibizionismo.
........................................................
Strani ricordi di questa notte a Verbicaro...
........................................................
Le nostre aspettative sono state accolte da un gentilissimo signor Pasquale Bruno -a Verbicaro ce ne sono tre---- non chiedetemi quale sia il nome, se Pasquale o Bruno-che ci ha invitati nel suo "CATUIO"  a bere un po' di vino con lui.
ottimo vino direi!!
Poi come sapete il mondo è piccolo... il mondo è bello Brindisi faccio a questo vinello!!!

l'acqua al mulino
al fegato il vino!!!










Post del 13 Aprile 2006

LA FOLLEFORZA DELLE TRADIZIONI--- autoflagellarsi nel 2006- sadomaso religioso!!! Modifica questo articolo

----Resiste al tempo la tradizione dei "battenti", che fra religiosità e paganesimo, si autoflagellano ogni anno il giovedì santo, precedendo la processione della Passione di Cristo.
Sono uomini vestiti di rosso, portano in testa un fazzoletto dello stesso colore e con "u cardiddu",
 
un pezzo di sughero in cui sono conficcate delle schegge di vetro, si percuotono le gambe fino a farle sanguinare
.
Compiono per tre volte lo stesso giro che percorre la processione, fermandosi davanti alle chiese che incontrano;
infine, vanno a lavarsi nella fontana vecchia del paese.
Probabilmente tale tradizione muove le sue origini dalle antiche confraternite del medioevo, ma i "
battenti" di oggi si flagellano per devozione alla Madonna Addolorata e per la morte di Cristo.
----





Tutto questo succede a Verbicaro -CS-
Io stasera mi sacrificherò per voi lettori e andrò a vedere cosa succede davvero. In molti mi hanno consigliato di non cenare, pare che il profumino di sangue generi dei fastidi a persone particolarmente sensibili.
Ad Ogni modo se dovessi aver problemi mi chiuderò in un "catuvio" ( cantina), con i valorosissimi Amegheo, Jacopo, e Nichi ( s'ha spikato).

NIcola Dixit: uagliò c'a'mm  ij a verè chelli ka se scomano 'e sangue!!!!




L'Idea di vedere persone che si autoflaggellano in ricordo di qualcosa o per devozione di qualcuno mi terrorizza..

domani vi dirò se trattasi di follia
o di semplice forza della trazione.
Per il momento mi auguro di non beccare tizi che girano per vie sinistre con maschere di pelle e "strumenti sadomaso"




permalink | inviato da il 14/4/2006 alle 11:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia